martedì 21 maggio 2013

To be a mom...


Venerdì sera lui, il Pasticcino l'ometto, è caduto dalle scale in malo modo.
Uno spavento così grande non lo prendevo da tanto tempo.
Ghiaccio, cremine, massaggi, coccole e ore ed ore a controllar le pupille, perché forse potrebbe aver sbattuto la testa. Che paura!
Quando i tuoi figli si fanno male, non solo resti senza fiato, impotente, 
ma senti nel corpo e nell'anima i loro stessi dolori. 
Quella sera ho pensato che non ho nulla di più caro al mondo, se non loro.



Sabato sera la Pasticcina, quasi a mettermi alla prova, mi ha confessato di aver preso i miei anelli più importanti...poco dopo ho realizzato che li aveva persi. La mia fede e il mio solitario, quello regalatomi dal papà per i miei 30 anni e per la nascita del Pasticcino (che due eventi così, deve aver pensato, vanno festeggiati come si deve.)
Mi sono arrabbiata. Ho persino pianto. Ma poi domenica e lunedì non ho fatto che pensare a quello spavento di venerdì sera. A quali siano effettivamente le cose per cui vale la pena disperarsi quando le si perde. Non so. Mi sono sentita sciocca e in colpa. Forse non avrò più due belli anelli, ma ne avrò altri.
Poi ieri sera lei ha fatto qualcosa di tanto tenero. Mi ha regalato due dei suoi anellini. Ecco ditemi voi se in questo gesto non c'è tutto quello che mi serve. Ditemi se siete d'accordo con me nel dire che molto spesso 

abbiamo proprio tutto e ce lo abbiamo sotto il naso, solo che diamo valore alle cose sbagliate.
Ogni volta che mi fanno arrabbiare e mi rendono felice mi dico che essere una mamma è faticoso, ma è di sicuro la cosa migliore che mi sia capitata...



I figli non son solo gioie, fanno stancare, fanno arrabbiare, ci obbligano a crescere
a prenderci responsabilità. Fanno mille richieste e richiedono tante attenzioni.
A loro non importa se tu sia stanca o triste o arrabbiata.
Sei il loro faro e come tale devi esser sempre attiva, sveglia, vigile, reattiva.
E pronta ad accettare che ti distruggano la casa, ti perdano gli anelli...

"Una madre..
è la donna dall'aria sorpresa e deliziata quando i suoi figli le portano la colazione a letto alle quattro del mattino, il giorno della Festa della Mamma.
Ha dieci paia di braccia, non potrebbe farne a meno.
E' la signora elegante con briciole di biscotto sull'abito da sera.
E' la signora di cui hai assoluto bisogno quando nessun altro provvederebbe.
E' la signora che riesce a dire frasette di consolazione che in qualche modo migliorano le cose.
E' la signora i cui cassetti sono pieni di disegni con le dita, lettere, bigliettini di auguri fatti a mano, 
pulcini di Pasqua, gatti di pongo, attestati e medaglie e nessuno la convincerà mai a separarsene!
E' qualcuno che ha imparato ad amare e mai più ne perderà l'abitudine.
E' quella che sbianca se il telefono squilla alle undici di sera.
E' la donna che riesce a fare dozzine di cose alla volta 
e trova lo stesso il tempo di baciare un ginocchio sbucciato."
(Pam Brown)



Buon martedì...

35 commenti:

  1. La mia più profonda stima è per le mamme come voi. Vi guardo e vi leggo ammirata..

    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce lei... ma guarda che tutte le mamme (credo) sono così, solo che certe non sanno come dirlo... :)

      Elimina
  2. Anche in questo momento mentre lo sto svegliando , lo guardo dormire beato e penso che non vorrei gli capitasse mai niente , ci fanno arrabbiare (giusto ieri sera ) ,ci stancano ma i nostri tesori sono proprio loro .
    Buona giornata bele'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh poi quando dormono sono inestimabili!!!! ;)

      Elimina
  3. Non avevo ben chiara nè la caduta nè la perdita degli anelli, ora ho capito Ancora adesso, con una figlia ormai donna, ti posso dire che l'apprensione su di lei (che ho sempre cercato di mascherare il più possibile) non è mai mutata e che quando la vedo e mi stringe tra le braccia sento salire un'energia che mi mette in comunicazione con la parte più profonda di me, una specie di grazia
    E' difficile da spiegare
    Vi abbraccio forte, Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono commossa, perché credo di aver esattamente capito cosa intendi...
      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  4. nel momento in cui si diventa mamma....i sogni arrivano tra le nostre braccia...ogni loro sorriso,smorfietta,broncio,bacetto ci riempiono la vita facendoci dimenticare le fatiche ed i sacrifici....buona giornata di cuore...regina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma i sogni spesso si scontrano con la durezza della realtà e lì sta il difficile! ;)

      Elimina
  5. che bella e che vera la tua riflessione....io ho una figlia nel pieno bailamme dell'adolescenza ed a volte è molto dura, però nonostante tutto non tornerei indietro!
    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, una volta presa quella strada raramente si può lasciarla..non siamo mica il papa noi, siam di più! ;)

      Elimina
  6. Assolutamente d'accordo con te.... i figli ci fanno cambiare molto ... diventiamo migliori da quando nascono ... Io mi rendo conto che prima che loro nascessero ero completamente diversa. Grazie a loro sono cambiata ed in meglio mi piaccio di più ora.

    Bello il tuo post come sempre... p.s. però che nervoso gli anelli persi... ma dove li avrà messi... da qualche parte in casa ci devono pur essere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh un bel nervoso si, poi se pensi che io do valore pure a una vecchia scatola di latta appartenuta a chissà chi...figurati a due anelli che rappresentano per me due momenti speciali della mia vita! -_-
      Abbiamo messo la casa a soqquadro. Niente. Prima o poi...forse...

      Elimina
  7. Mi son presa un paio di minuti x piangere in santa pace. Per commuovermi di fronte all'ovvieta' delle cose che, spesso, si danno per scontate. E' vero,è verissimo. Se sei madre proverai le gioie piu' grandi,ma bisogna mettere in conto che se saran dolori,saranno i piu' forti.S'impara,si sbaglia,si cade e ci si rialza,si chiede scusa e ci si impegna di piu'. I figli poi crescono e smettono di essere tali,diventeranno genitori a loro vlta.Ma una MADRE no.Una MADRE lo è per Sempre. E prego la Madre per Eccellenza, Maria, che mi aiuti in questa missione,che mi doni Pazienza,Umilta' ,Conforto e Coraggio.
    Ciao BellaDi,grazie come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la nostra Silvia, hai proprio ragione...
      Grazie a te, come sempre :)

      Elimina
  8. E"un periodi un cui i miei bambini mi stanno prosciugando tutte le mie forze, sogno giorni di totale solitudine, poi capita la domenica in cui io e mio marito ci concediamo qualche ora da soli.Bellissimo,ma dopo due ore desidero andare a casa perchè mi mancano i miei cuccioli .
    Essere mamma...io non riesco a spiegare a parole che cosa significhi, posso solo dire che ci sono delle sere che li vado a vedere mentre dormono, li osservo, li bacio e a volte mi vengono gli occhi lucidi....
    Baci
    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bellissimo quello che dici e non c'è bisogno di spiegarlo in altro modo...

      Elimina
  9. Questo post è commovente...bellissimo, un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Ecco so ore che leggo e rileggo e aspetto per commentare....io nn ho le parole ma tu sai cosa ho nel cuore e spesso tu sai toccare tasti come nessun altro mai.
    Ti voglio un mondo di bene <3 MaMMa Diana

    RispondiElimina
  11. Parole sante Di! Le sottoscrivo ad una ad una ;)
    Un bacione a Pasticcera e Pasticcini
    paola

    RispondiElimina
  12. Anche il mio Andrea quando era piccolo cadde dalle scale e si face male alla testa. Uno spavento tremendo, con corsa al pronto soccorso e tanta apprensione nelle ore a seguire. Anche ora che sono grandi ho sempre timore che si facciano male o che si ammalino o che accada loro qualcosa ... eh, le mamme! La tua reazione alla perdita degli anelli è giustificata, chiunque si sarebbe arrabbiato, ed è anche giusto che la piccina impari che alcune cose per noi sono importanti e vanno trattate con cura e attenzione. Magari, un giorno li ritroverai quando e dove meno te li aspetti. Intanto hai lei con i suoi regalini e il suo amore :-) Vava. PS ti ho rimandato la mail, prova a vedere se la ricevi, grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia questi spaventi ci accorciano l'esistenza! -_-

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  13. Che dire sono senza parole, però non mi stanco mai dirvelo che voglio un gran bene sia a te che a tuo fratello!!!
    Mamma

    RispondiElimina
  14. Diana che dolcezza! Io non ho ancora figli ma ho una mamma speciale, e quest'anno per i suoi 50 anni le regalerò questa bellissima poesia!
    Grazie!

    Michela

    RispondiElimina
  15. Cara Diana, prima di tutto spero che il pasticcino/ometto stia meglio, come dico io ti fan perdere anni di vita... ti dedico questa poesia che un caro amico mi ha tradotto, scusa non ricordo l'autore..

    Prima che fossi mamma non inciampavo mai in un giocattolo o sapevo le
    parole della ninnananna,
    Non mi importava se una delle mie piante fosse velenosa,
    non pensavo mai al sistema immunitario.
    Prima che fossi mamma- nessuno mi vomitava addosso
    Ne mi faceva saltar su
    Ne mi mordicchiava
    Ne mi faceva la pipì addosso

    Io avevo il completo controllo della mia mente e dei miei pensieri.
    Dormivo tutte le notti.
    Prima che fossi mamma mai ho dovuto tener fermo un bambino urlante
    perche' il dottore potesse fare dei test
    o fare una iniezione
    Io non ho mai guardato dentro occhi lacrimanti e mai ho pianto
    Io mai fui cosi splendidamente felice per un semplice sorriso
    Ne mai mi sono alzata a tarda ora nella notte per controllare il
    sonno di un bimbo.

    Prima che fossi mamma, io non ho mai tenuto abbracciato un bimbo
    addormentato solo perche' non volevo piu' metterlo giu'.
    Io non ho mai sentito il mio cuore andare in un milione di pezzi
    quando non potevo fermare il sangue di una ferita.
    Io non sapevo che una cosa tanto piccola potesse aver cosi tanto
    effetto per la mia vita.
    Io non immaginavo mai di poter amare qualcuno cosi' tanto.
    Ne sapevo che avrei potuto amare essere mamma.

    Prima che fossi mamma- non conoscevo la sensazione di avere il mio
    cuore fuori dal mio corpo.
    Io non sapevo che sensazione speciale fosse dare da mangiare ad un
    bimbo affamato.
    Io non conoscevo quel forte legame tra la madre e suo figlio.
    Ne sapevo che una cosa tanto piccola potesse farmi sentire cosi
    importante e felice
    Prima che fossi mamma-non mi sarei alzata nel cuore della notte ogni
    10 minuti per essere sicura che tutto andasse bene.
    Io non avevo mai conosciuto il calore, la gioia, l'amore, il mal di
    cuore, lo stupore o la soddisfazione di essere mamma.
    Io non sapevo di poterlo essere.


    Baci Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene...è meravigliosa! Grazie, sono commossa :)

      Elimina
  16. Ciao Diana, è qualche tempo che seguo i tuoi post e quando ti leggo mi sembra sempre di vivere ciò che racconti, ma questo ultimo....sarà che sono mamma da 9 mesi e mezzo, ma mi ha veramente colpita tanto!
    L'amore cresce di giorno in giorno, proporzionalmente con la pancia, mentre lo accudisci e ti prendi cura di lui proteggendolo, parlandogli e canticchiando, poi il tuo cuore esplode quando finalmente avviene il primo contatto fisico e questo è già meraviglioso.
    Poi però di giorno in giorno impari, conosci, guardi il mondo da altri punti di vista che non avevi considerato e ti stupisci nello scoprire che ti piace anche osservarlo così!
    E' faticoso, ma ogni sorriso, ogni abbraccio, ogni bacio, ogni suo sguardo verso di te per ogni nuova scoperta oppure ogni conquista perchè soddisfatto nell'aver fatto una cosa che prima non riusciva....beh, ti ripaga e scopri che il tuo cuore può ancora ingrandirsi...e tutto ciò ti dà forza a continuare ed è così tutto naturale!
    Sono felice di averti conosciuta, Francesca

    PS: mi auguro che Pasticcino stia meglio e ricorda: la casa nasconde, non ruba! Magari salteranno fuori quando meno te lo aspetti!(è vero che non bisognerebbe legarsi troppo ai ricordi materiali, ma è così difficile, vero?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca,
      mi fa piacere questo tuo commento. Ogni volta che mi confronto e che mi rendo conto che non capita solo a me mi sento capita, sollevata e la paura si fa più lieve.
      Davvero strano quel che accade già dalla gravidanza. Davvero bello poter provare questa esplosione di emozioni. Tu sei una neo mamma, io quel periodo lo ricordo come il più faticoso... mi ci son voluti anni per sentirmi davvero pronta ed adeguata, che poi non credo ci si senta mai adeguate del tutto!

      Il Pasticcino sta bene, grazie e la mia casa per ora pare aver rubato -_- perché non spunta fuori nulla ed l'abbiamo messa sottosopra. Tra qualche tempo, son certa usciran fuori..ma ogni tanto mi viene la malinconia. Ci provo a non legarmi alle cose materiali, ma è davvero faticoso!

      Grazie di esser passata
      Diana

      Elimina
  17. quanto ti capisco...hai gli anelli più belli del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ grazie Sofia, tu ti chiami come la Pasticcina... non è che sai dove io possa cercare, eh?! ;)

      Elimina

Ogni tuo commento è il motore di questo blog, ma se lo scrivi con profilo Anonimo ricordati di firmarti o non verrà preso in considerazione.
Altresì non verranno presi in considerazione commenti che potrebbero destare polemiche. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...