lunedì 10 giugno 2013

Thinking

Ieri ho accompagnato una persona in ospedale.
Gli ospedali non mi piacciono mai tanto...
raramente ci si associano buone esperienze.


Spogli e ricchi di energie contrastanti, 
odorano di disinfettante e aria viziata.
Ma soprattutto si respira sofferenza.


Nel letto di fronte a quello dove mi sono seduta io non ho potuto fare a meno
di vedere una donna immobilizzata, 
sembrava vecchissima, pallida, gonfia, senza denti
e rantolava di un dolore che metteva addosso disperazione.
In ospedale tutti sopportano, pochi si lamentano..soprattutto se ci 
sono dolori più grandi del nostro.


Lei era lì e un uomo al suo fianco la guardava con occhi dolci
e disperati anch'essi. Pensavo fosse suo figlio. Mi commuoveva.
Poi quando il suo lamento si è fatto quasi insostenibile
lui l'ha accarezzata e le ha parlato dolcemente...
" Amore mio, stai tranquilla che sono qui.
Tuo marito è qui." In quel momento ho capito
quanto il dolore ci trasformi.
Poi lui ha aggiunto, accarezzandola sulla testa
" quanto sei bella Amore".
In quel momento ho capito quanto l'Amore 
possa trasformare la realtà...

"L’amore tutto copre, tutto crede, 
tutto spera, tutto sopporta. 
L’amore non ha mai fine. "
Prima lettera ai corinzi, 13,7-8 

Ovviamente prima di tornare a casa son dovuta passare al mercatino
per riprendere un po' di leggerezza e volare ancora...
 ho preso una nuova tazza da tè per la mia collezione.
Al prossimo Apple Pie Tea Party ci sarà posto per una persona in più!
^_-


Buon inizio settimana...e non dimenticate di partecipare

17 commenti:

  1. Avevo letto ieri di questa tua esperienza e mi ha molto toccato Negli ultimi 10 anni ho frequentato molto gli ospedali (mio marito, io, la mia mamma), per quanto siano con gli anni migliorati, infermieri e medici facciano il possibile, la vita in ospedale è spesso ricca di dolore, del corpo e non solo
    La tua tazza è davvero bellissima,
    buona settimana con un bacio,
    Daniela

    RispondiElimina
  2. E' bello sentire parole confortanti e sapere che qualcuno ti e' vicino in momenti come quello della Signora , il dolore puo' farsi meno duro superato insieme .
    Bacione cara ieri niente mercatino , diluviava ...

    RispondiElimina
  3. La tua storia mi ha fatto venire i brividi...questo si che è amore vero, che va oltre ogni cosa!!
    Buon lunedì,
    Grazia
    p.s. Il posto in più per il prossimo Tea party è per me!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Mamma mia che tristezza che mi ha messo il tuo racconto di quella malata e suo marito... sighhh... non ho parole.

    RispondiElimina
  5. Diana le tue parole mi hanno commossa, mi ha colpito la scena e le parole del marito...questo è amore puro, grazie per averlo condiviso con noi!
    Baci da
    Enrica di Chiarapassion

    RispondiElimina
  6. Hai ragione Diana...! Una volta in ospedale tutti i nostri "problemi" trovano una dimensione più consona e reale.
    Bellissima e molto commevente la scena che hai visto! <3 Gli amori grandi resistono alla malattia e alla morte.

    Rita

    RispondiElimina
  7. Mi sono commossa.
    Grazie Diana.

    RispondiElimina
  8. Mi hai proprio commosso con questo posto, sono in lacrime! Sono proprio felice di avere conosciuto il tuo blog grazie a Sara e Manu! Organizzerò un incontro in casa...non bello come il tuo pieno di bellissimi dettagli! Ma al meno ci farà conoscere e divertirci un po con i washi tape

    mi sembra cosi banale, io che volevo invitarti alla mia prima sfida...

    http://www.mywashitape.com/2013/05/sfida-my-washi-tape.html
    Ma se ti va per me sarebbe un bel onore averti come partecipante!
    un beso grande da Roma
    Anabella
    my washi tape

    RispondiElimina
  9. antonella maestrini10 giugno 2013 12:58

    L'Amore come l'amicizia è un grande conforto.Ma anche le tazze da tè aiutano!

    RispondiElimina
  10. ...ho la pelle d'oca...il Tuo racconto mi ha molto toccata...
    Buon inizio settimana
    Antonella

    RispondiElimina
  11. Anch'io ultimamente sto frequantando l'ospedale, proprio il reparto dove ormai non si può più sperare. La mia ex suocera presto ci lascerà, e sebbene non fossimo mai state molto legate ogni volta mi viene da piangere a vederla così sofferente, emaciata, spaventata. Sì, la sua è proprio paura, glielo leggi negli occhi, ed è terribile essere così impotenti. L'unica cosa che ci può salvare, almeno nello spirito, è l'amore come quello di questo marito per la sua amata, per lui sempre la più bella. Sono commossa. Buona settimana, Silvana

    RispondiElimina
  12. La sofferenza è sempre dura, da vivere e anche da accettare. Veder soffrire chi ami è duro tanto quanto il dolore da sopportare. Sono molto felice che almeno qualcuno di chi soffre possa avere vicino un grande ed autentico amore.
    Le nostre preghiere possono fare tanto per loro.
    Un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina
  13. Ciao Diana! Che bello trovarti... Complimenti per questo tuo dolcissimo spazio online, sono felice di farne parte da oggi :)! Se ti va ti aspetto su Violet Wool! Un bacione

    RispondiElimina
  14. Mi perdonate se non rispondo? faccio un ringraziamento collettivo e crollo a letto..sono rientrata ora da un altro giorno in ospedale...
    Grazie a tutte! <3

    RispondiElimina
  15. Un grande amore sopravvive a tutto .....forza, conforto, speranza. Un racconto che tocca il cuore e fa molto riflettere.
    Buona settimana
    Elena

    RispondiElimina
  16. oh mamma...leggo solo ora....che succede Di?
    Intanto io inizio a dire qualche preghierina per voi, alla sera, prima di dormire..che tutto aiuta.
    un abbraccio
    fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora tutto bene Fra... ma le preghierine non sono mai troppe :)

      Elimina

Ogni tuo commento è il motore di questo blog, ma se lo scrivi con profilo Anonimo ricordati di firmarti o non verrà preso in considerazione.
Altresì non verranno presi in considerazione commenti che potrebbero destare polemiche. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...