giovedì 27 febbraio 2014

Chiacchere e tè {per carnevale}

A Roma le chiamiamo frappe,
a Firenze cenci,
 chiacchere pare essere il nome italiano 
che riconduce ovunque a questo dolce appartenente alla
tradizione carnevalesca.


Sono profumate, croccanti, fritte (o al forno) e ricoperte di zucchero
a velo o miele...



Se a carnevale ogni scherzo vale, prima della quaresima
vale pure chiudere un occhio e non pensare ai trigliceridi
o ai chili o alle calorie (che ognuno ha i suoi pensieri...)


Oggi accoglierò così la Pasticcina...
Con frappe e tè, anche se so che lei vorrà il latte,
e mi farò raccontare della sua festa in maschera a scuola...



 E mi racconterà, di quanto fosse bella la sua amica C.
vestita da fata, di quanto fosse bello il suo amico speciale F.
(con cui mi ha confessato di essersi sposata già da tempo)
...e di quanto fosse felice lei nel suo abito da gat-woman!



Niente favole, niente ali, niente principesse, anche quest'anno ha voluto
coda e orecchie... 


Se, in caso di pioggia, state pensando ad una piccola festa tra amici
con i vostri bambini mascherati, nel vostro salotto...
Non vi servirà che qualche tazza di buon tè aromatizzato
(io ultimamente bevo te verde all'arancia e cannella, una droga!)
e tante, tante, taaanteeee frappe, magari anche qualche stella filante...
I coriandoli li abolirei in casa, anche dopo accurata pulizia a 
Pasqua ne esce ancora qualcuno da ogni dove!
(Ma si riproducono da soli?, me lo son sempre chiesta!
Ne compri una busta e ne raccogli tre di buste..mah! ^_^ )



Vi lascio la ricetta delle frappe che si fanno a casa mia
(quelle in foto le ha fatte mio fratello)

Ingredienti per 500 gr di frappe:
500gr di farina
30gr di strutto
2 tuorli d'uovo
1 uovo intero
un cucchiaino di zucchero
una presa piccola di sale
vino bianco
Olio o strutto per friggere
zucchero a velo

Procedimento:
Fate la fontana con la farina e ponete nel mezzo lo strutto,, i tuorli, l'uovo,
il sale e lo zucchero. Impastate con del vino bianco fino a rendere l'impasto simile a quello della pasta all'uovo.
Lasciate riposare la pasta per una mezz'ora e stendetela in modo sottile su una tavola
infarinata. Ricavate dalla pasta stesa dei nastri a piacere, lunghi o corti,
dritti o annodati. Come più vi piace. Friggeteli nell'olio o nello strutto 
finché non saranno dorati.
Fate assorbire l'olio in eccesso su della carta assorbente e quando non saranno più
bollenti cospargeteli di zucchero a velo.


Poi chiamate gli amici e mangiatele tutte!

Buon giovedì grasso ^_^

31 commenti:

  1. Buonissime le ho mangiate proprio ieri!

    RispondiElimina
  2. bone le frappe...noli chiamiamo stracetti...a casa nostra.....e belle le foto...bacioni Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna ( io continuo a studiare, prima o poi ce la farò...)

      Elimina
  3. mmmmh golose! quest'anno pensavo di non farle e invece mi sa che non resisterò .... magari provo la tua ricetta , buon carnevale anche a te *____* mariaida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha...e sono arrivata io a far da diavoletto tentatore! ;)

      Elimina
  4. complimenti! provero' a farle oggi pomeriggio!!

    RispondiElimina
  5. Da noi (Milano) si chiamano chiacchere, e sono golose e caloriche come tutte le sorelle con i vari nomi sparse per l'Italia. Anzi, poiché il nostro carnevae (ambrosiano) dura di più, abbiamo anche più tempo per rimpinzarci e ingrassare. Buono il tè arancia e cannella! Ciao,
    Silvana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh mia bella madunnina... ;)
      Ciao Silv, un abbraccione!

      Elimina
  6. Sono alle prese con i fritti anche io ...-_-' voglia tanta, ma è sempre un tantinello faticoso friggere ehmmmm il prosimo ano vengo a mangiarle da te :D tu friggi io assagio ;) ihihiihih
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mi offri battutacce a tuo sfavore troppo facilmente! ;)

      Elimina
    2. uhh mi sono accorta solo ora -_-' maledettissimo pc che mi perde le lettere :P
      maaaaa il prossimo ANNO vengo li ahahahaaha

      Elimina
    3. Non era per quell'errore di battitura la battuta...non mi permetterei mai! Era sul fatto che io ti sto ancora aspettando! :P

      Elimina
  7. buone le chiacchiere, da noi si chiamano proprio così, non hanno una versione locale! tenera la tua bimba vestita da micetta...

    RispondiElimina
  8. Trooooooppo buone !!!! Ma se mi avresti chiesto due settimane fa di mangiarle avrei divorato il vassoio ... ora purtroppo devo stare a bacchetta ... ho il colesterolo alto !! Io, capito Didi ... ti rendi conto ??
    Bacione grande bele'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma, anche io devo star attenta, ma una al giorno si può fare ...o no? :(
      Bacino bellezza!

      Elimina
  9. Le ho appena mangiate... le adoro!! Che foto bellissime! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee...sto studiando, ma ho poco tempo per esercitarmi! :)

      Elimina
  10. Le ho fatte anche io domenica... da noi sfrappole a Bologna, ricetta quasi simile ma noi ci mettiamo anche il succo d'arancia e ci andrebbe un po' di cognac.... Sono favolose una tira l'altra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma mia io ingrasso già a sentire... ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. I crostoli!!! XD qui da me a Treviso si chiamano così ma se voglio fare la chic le chiamo anch'io chiacchiere^^ sono deliziose ... Ma sto seguendo una dieta ferrea e per quest'anno le guarderò da lontano.... Hem... Mooooooolto lontano!!!!!^^ un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crostoli! Sanno di qualcosa di fritto e croccantissimo! Se ti consola io ne ho mangiate un po' e poi mi son sentita male...per quest'anno, fidati, guardali pure da lontano che son buone ma fanno male! (va bene così? ) :)

      Elimina
    2. Muhahahaha siiiiii!!!! Cioè mi dispiace che ti sia sentita male... Ma almeno mi hai rincuorato XD smuack<3

      Elimina
  12. quanto mi ricordano quando ero piccola, non mancavano mai di questo periodo a casa :)
    magari in questi giorni le faccio con i miei bimbi ;)
    riguardo ai coriandoli hai raginissima, si moltiplicano anche a me ed è per questo che anche io li ho banditi da casa ;)
    ciao :)

    RispondiElimina
  13. Da noi chiacchiere! Le adoro e ne mangerei a quintali....quando studiavo all'uni a Napoli difficilmente riuscivo a tornare a casa per il ponte di Carnevale!...io e mia sorella allora le preparavamo, non si faceva in tempo a friggerle che già erano finite!!
    Un abbraccio!
    Gio

    RispondiElimina
  14. troppo buone..io passo i venerdì dalla mamma a farle per l'intera comunità..mia madre considera carnevale ..natale..le regala a tutto il paese..potevo mai essere normale io con una così???? naaaaaaaaaaaa..bacio
    la pasticcina si è sposata?? ma quel principe di fratellone maggiore lo sa?

    RispondiElimina
  15. A casa mia le chiamiamo LATTUGHE e mia mamma è una maga in materia di lattughe e frittelle. MA ho un'amica con una pasticceria....che te lo dico a fa? 10frittelle alla crema, 10 vuote , 10 alla marmellata e 10 alla nutella. SPAZZOLATE da me e dallo gnomo grande in un giorno. Non aggiungo altro, ta' salude colesterolo e glicemiaaaa!!!!!!
    Domani da noi grande sfilata di carri allegorici (che la sottoscritta ha contribuito a realizzare) Speriamo almeno smetta di piovere
    Besos

    RispondiElimina
  16. Que buen aspecto tienen.No parecen dificiles de hacer.Buscare tiempo para probar de hacerlo.

    RispondiElimina
  17. Una felicità lieve, richiamo di dolci ricordi del tempo che fu! Grazie.
    complimenti per il tuo blog
    È pieno di vita. Anche io sto cercando di crearne uno, ma per ora è un luogo solitario. Mi farai felice se vorrai visitarlo; ogni consiglio è bene accetto. Grazie, Tiziana (alzalevele.blogspot.it)

    RispondiElimina

Ogni tuo commento è il motore di questo blog, ma se lo scrivi con profilo Anonimo ricordati di firmarti o non verrà preso in considerazione.
Altresì non verranno presi in considerazione commenti che potrebbero destare polemiche. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...